Come dovrebbe essere la coda dei nostri Pitbull?

 

La coda è da considerare un vero e proprio strumento per i nostri cani, essa oltre a mostrari chiari segni di comunicazione è utile per molteplici funzionalità fisiche, dall'equilibrio al bilanciamento del corpo, fino alla spinta, per cui deve rientrare esattamente in alcuni parametri per essere corretta.

 

Anche la coda si è evoluta insieme al nostro Pitbull, e anche la struttura di essa rappresenta un sofisticato strumento con cui ottimizzare i movimenti.

La coda del Pitbull infatti contribuisce a stabilizzare la colonna vertebrale e a dare impulso all'azione dei muscoli estensori della schiena, quindi anche in funzione della coda il cane recupera elasticità nei movimenti, secondi preziosi e maggiore probabilità di restare in vita in natura.


La coda quindi, tra le caratteristiche morfologiche, ha un importanza che influisce in una valutazione dello standard, per cui è necessario approfondire la tipologia corretta e le posizione nei vari stati.

La coda dell'American PITBULL (mai recisa) deve essere corta rispetto alla taglia, ha un'attaccatura bassa, è sottile e tende ad assottigliarsi verso la punta.

La lunghezza di una coda morfologicamente corretta dovrebbe terminare pressappoco sulla punta del garretto del cane, e andrebbe misurata quando il cane è all'impiedi, abbassando la coda fino alla punta del garretto.

Nella valutazione della lunghezza è ammessa una tolleranza generica di circa un centimetro prima o dopo la punta del garretto, oltre tale margine il difetto diventa oggettivo.

 
 
 


Una coda corretta non è portata mai al di sopra del dorso arrotolata, ma è dritta quando il cane è in attenzione; essa è attaccata bassa sulla groppa (esattamente nell'angolo tra la parete verticale delle zampe posteriori e la linea orizzontale del dorso), e non è mai curva verso i lati in posizione di riposo.

Una coda corretta, in posizione di riposo, effettuerà una leggera salita per poi scendere verso il basso formando una leggera S; non deve essere troppo doppia o rigonfia per la presenza di pelo eccessivamente lungo.

 

In condizioni di eccitamento viene portata dritta e alta ma anche una coda portata sempre alta può essere considerato un difetto.

Uno dei difetti riferibili alla coda è il ricurvamento della stessa verso la schiena, per cui una coda corretta non dovrebbe mai rivolgere la punta verso il dorso.

Quando il cane è in movimento la coda non deve mai girare troppo sul dorso o essere troppo bassa come in posizione di dominanza.