Tipo, Ipertipo e Ipotipo
A cura di Giovanni Mazzone


Perchè nella stessa razza o addirittura selezione troviamo cani spesso totalmente diversi?

Tutti gli appassionati di cinofilia hanno avuto a che fare con i termini tipo/tipico o ipertipo/ipertipico, in riferimento ad alcune caratteristiche del proprio Pitbull o del proprio cane in generale; ebbene questi termini rivestono un ruolo importante nella visione di un cane per la sua corretta selezione morfologica.

HULK: Pitbull IPERTIPICO Pedigree UKC linea di sangue CAMELOT


Quando parliamo di "TIPO" in un cane ci riferiamo a tutte quelle caratteristiche e condizioni volute dallo standard in riferimento alla specifica funzionalità ricercata nella razza.
Il tipo, in qualsiasi razza è rappresentato da quel soggetto "TIPO" che possiede sia per la morfologia, che per la
fisiologia e per  il carattere, quelle condizioni dettate nello standard, sulle funzioni ricercate e che quindi ne è
rappresentante (nel Pitbull tra le tante caratteristiche ricerchiamo struttura solida, morso potente e corretto, elasticità e resistenza, carattere vincente, correttezza anatomica, compattezza, funzionalità di movimento e armonia nelle proporzioni).


La ricerca del "TIPO" e la giusta fissazione nella mente degli allevatori di un rappresentante di razza in "TIPO" è una condizione importantissima, perchè evidenzierà al professionista cinofilo ogni sfumatura da ricercare per la selezione dei propri soggetti, proprio partendo da rappresentanti degni della razza.

Ci si ritrova spesso (non volutamente e per motivi riconducibili a specifiche esigenze funzionali) avanti a delle
distorsioni delle caratteristiche di standard, spesso per moda, oppure per incapacità specifica di allevamento, per superficialità, ma anche solo per caso; situazioni che deviano la selezione in cani con caratteristiche diverse dallo standard e che vengono divise in caratteristiche "IPOTIPICHE" e "IPERTIPICHE".


L' "ipotipo" è una distorsione del "tipo" che darà vita a soggetti che avranno una "riduzione o diluizione" dei caratteri tipici della razza, in maniera tanto affermata da uscire fuori dai parametri di standard. Esempi di "IPOTIPO" nel Pitbull UKC si hanno quando osserviamo cani con testa piccola rispetto al corpo, osso troppo sottile, cani troppo minuti, ecc.

L'"ipertipo" invece è una esasperazione delle caratteristiche di standard, che spinge la selezione nell'eccesso, anche quì senza motivazioni che siano riconducibili a effettive esigenze morfofunzionali. Esempi di "IPERTIPO" sono presenti in Pitbull con ossatura troppo doppia e pesante (anche in proporzione), pelle molto doppia e pieghe eccessive, testa troppo grande o anche troppo lunga in proporzione al corpo, ecc.

IPOTIPO: Canna nasale eccessivamente lunga e pronunciata, masseteri inconsistenti. Possibili problemi funzionali nella potenza del morso oltre ad un difetto morfotipico che lo discosta dallo standard.

IPERTIPO: Testa eccessivamente grande, mole eccessiva, osso imponente, quindi possibile problemi funzionali o comunque minore elasticità/velocità nell'articolazione del movimento.

IPOTIPO ED IPERTIPO spesso sono diretti responsabili di perdita della funzionalità nel movimento, nella presa, nell'attenzione, ecc; distorsioni profonde dello standard possono determinare l'impossibilità di sopravvivenza del cane in natura, quindi restano comunque un argomento di fondamentale importanza nelle scelte da operare sulla razza.

Qualche furbo penserà che, anche se vi sono cani con caratteristiche esagerate o ridotte, visto che lo standard UKC e quello ADBA non dettano specifiche e minuziose indicazioni di proporzioni o misure peculiari su tutte le caratteristiche (tipo: misura cranio, angolo occhio, diametro narici, ecc..), si potrebbe fare quello che conviene e ognuno spingere il cane che ha in scuderia anche se con eccessi o riduzioni limitative; questo è un concetto errato in quanto chi alleva e conosce il Pitbull, deve basarsi sulle nozioni cinognostiche funzionali del cane in generale, preservando le caratteristiche come indicato negli standard forniti (anche se spesso non fanno menzione di alcune misure specifiche perchè sintetizzano nel complesso di informazioni il concetto di cane, non soffermandosi su misure ecc..), e deve essere bene informato in campo cinometrico, fisiologico e morfologico, per la ricerca e la promozione delle caratteristiche che devono confermare importanza di una delle razze migliori nel mondo cinofilo.


Un giudice ovviamente ha un compito molto più delicato in quanto promuove i rappresentanti della razza, il suo compito è quello di osservare in pochissimi minuti la struttura, le proporzioni, l'andamento, il posizionamento dei gravi, l'equilibrio, angoli, testa, torace, collo, fierezza, funzionalità e le caratteristiche morfologiche utili per determinare chi scegliere come esempio dello standard.


Abbiamo fatto un accenno sull'IPOTIPO e sull'IPERTIPO perchè crediamo siano di elevata importanza in qualsiasi razza per determinare quali soggetti riprodurre e quali scartare.

Nelle razze di tipo Bull e nel Pitbull in particolare non è affatto facile fissare un TIPO assoluto, come non è facile trovare un cane con tutte le caratteristiche corrispondenti allo standard, ma le valutazioni si dovrebbero basare solo e sempre sulla bellezza e l'armonia ache accomuna la funzionalità alla bellezza, il carattere nel rapporto con le esigenze di vita, senza mai confondere la mente tra standard e mode o tendenze, o peggio interessi.

Ringrazio e saluto come sempre chi ci segue augurandovi una piacevole lettura dei prossimi articoli.