Descrizione immagine

La crescita muscolare del nostro cane

IPERTROFIA IPERPLASIA

ATROFIA APLASIA

A cura di Giovanni Mazzone
Si ringraziano le fonti terze per la concessione delle immagini

In ogni caso, qualsiasi muscolo, sollecitato sotto sforzo a una certa intensità e durata, reagisce adattandosi a quel cambiamento e ottimizzando la composizione del tessuto per rispondere al meglio a quel tipo di sollecitazione.

 

Le fibre umane come quelle animali si adattano agli sforzi e alla necessità  di forza per garantire una vita ottimale. 

 

Un certo tipo di allenamento induce il muscolo a reagire all'intensità di sforzo con l'aumento delle dimensioni delle fibre dovuto sia ad un aumento della componente contrattile che alla componente fluido-energetica della fibra.



Cosa offre volume ai muscoli del nostro cane?
Molti appassionati si domandano quale sia il processo fisiologico che fa crescere i muscoli del nostro cane. 
Inizierei col dire che nuovi studi confermano che IPERPLASIA e IPERTROFIA concorrono insieme ad altri processi alla crescita reale del volume muscolare.
La differenza sta nel fatto che nel processo biologico dell’IPERPLASIA abbiamo un aumento della massa del muscolo per aumento del numero di cellule presenti in esso, mentre nell’IPERTROFIA abbiamo un aumento del volume delle cellule e non un aumento del numero delle stesse.

Descrizione immagine
Descrizione immagine
Ma qual'è l'allenamento opportuno per ottenere i risultati sperati?

IL PROCESSO FISIOLOGICO CHE AVVIENE NEL’IPERTROFIA E NELL’IPERPLASIA
Entrando nello specifico, nell’IPERTROFIA come abbiamo detto si verifica un aumento di volume dovuto all’espansione degli elementi che lo compongono, come: proteine contrattili, miofibrille, fibre, tessuto connettivo, sarcomeri, ecc.

Esistono due tipi di ipertrofia muscolare, con due diversi tipi di allenamento per raggiungere il risultato: miofibrillare e sarcoplasmatica.
  • L’ipertrofia muscolare miofibrillare dovuta all’aumento delle miofibrille e delle proteine contrattili. La miofibrilla è il modulo costitutivo filamentoso della muscolatura striata, della quale quest’ultima è ordinatamente percorsa e consiste in una catena molecolare costituita da meccanoproteine (l’actina e la miosina), rispettivamente di colore chiaro e scuro che permettono la contrazione muscolare. Questo tipo di ipertrofia si ottiene privilegiando quantità di peso più elevate associato ad un numero di ripetizioni più basso.
  • L’ipertrofia muscolare sarcoplasmatica dovuta all’aumento del sarcoplasma quindi delle strutture che lo compongono: acqua, proteine non contrattili, organelli e riserve energetiche quali glicogeno e lipidi. Consiste nell’espansione di ciò che non è miofibrilla ma piuttosto del fluido all’interno del quale le miofibrille sono immerse: questo tipo di ipertrofia si ottiene usando una quantità di peso minore associato ad un numero di ripetizioni elevato.
L’IPERPLASIA avviene attraverso l’intervento delle cellule satellite che concorrono alla moltiplicazione delle cellule. L’Ipertrofia nella crescita muscolare ricopre un ruolo generalmente secondario, la crescita muscolare è generalmente più associata ad un meccanismo ipertrofico.

I CASI IN CUI I MUSCOLI DIMINUISCONO DI MASSA E SPESSORE
ATROFIA
L’Atrofia ha invece un effetto contrario alla IPERPLASIA (diminuzione di spessore e massa muscolare), e si verifica quando il volume muscolare diminuisce, per relazione alla diminuzione del volume delle singole cellule.
APLASIA
L’Aplasia è l’effetto contrario all’IPERPLASIA, e determina una diminuzione della massa muscolare per effetto della diminuzione del numero di cellule che lo compongono. 
E’ importante chiarire che IPERPLASIA, IPERTROFIA, APLASIA e ATROFIA, non concorrono solo alla crescita o decrescita dei muscoli, ma sono termini usati per indicare genericamente l’aumento o la diminuzione del volume di un organo o di un tessuto.
Iperplasia e ipertrofia sono caratteristiche che possiamo riscontrare sia in una situazione naturale, quindi fisiologica, che in una situazione patologica (quando si verificano per una disfunzione o per una malattia).


Cane dopato o naturale?
Sul web girano foro di cani che assomigliano più a culturisti che a cani normali, dei veri concentrati di massa muscolare vene e nervi; difficile accettare invece che il nostro cane non abbia quella struttura e quelle forme. Ma è sempre frutto di allenamento o alimentazione?
 Difficilissimo stabilire chi usa sostanze dopanti da una foto (a meno che le proporzioni non sono davvero innaturali), tuttavia non è difficile trovare cani con una buona condizione fisica che derivi solamente da allenamento, genetica e buona alimentazione.
 
Descrizione immagine
Descrizione immagine
1
2
3
4
5