Collari e pettorine con peso per gli allenamenti

USO E CONSIGLI
A cura di Giovanni Mazzone

Da qualche anno gli appassionati di cani da lavoro, nello svolgimento degli allenamenti, possono utilizzare nuovi strumenti in commercio come il collare e la pettorina con pesi.
Tali strumenti, come ogni risorsa possono essere molto interessanti ma solo se usati con coscienza e rispetto, ma soprattutto con la giusta conoscenza anatomica e fisiologica del cane.
L'allenamento con pesi, in generale, incrementa la massa muscolare e la forza in proporzione al tempo e alla forza spesa nell'allenamento.
Ci sono vari obbiettivi per i quali vengono usati pesi negli allenamenti, si spazia da un allenamento funzionale applicativo: Salvataggio in mare o nella neve, per il quale si raggiungono importanti traguardi (quindi rafforzamento dei muscoli della schiena, delle spalle e del collo per effettuare una trazione più efficace e svolgere l'attività prefissata con maggiore probabilità di successo) - a un allenamento di puro potenziamento muscolare (effettuato esclusivamente per il potenziamento e l'aumento del volume muscolare del cane).

Va precisato che se l'obbiettivo fosse solo perdere grasso e definire, non servirà l'uso di pesi nell'allenamento, ma solo un attività aerobica (vedi attività aerobiche), mentre se l'obbiettivo è aumentare la massa muscolare bisognerà ricorrere all'utilizzo di pesi per aumentare lo sforzo e lavorare in maniera anaerobica (vedi lavoro anaerobico).

Collari, pettorine o giubotti con zavorre, forniscono una effettiva progressione di resistenza più facilmente quantificabile dall'allenatore, ma sono utili sono nel caso in cui si lavori in maniera simmetricamente e proporzionalmente corretta.

Per simmetria bisognerà fare un ragionamento considerando la struttura articolare del cane come un impalcatura creata per mantenere il peso in maniera omogenea e ben distribuita sopra di essa e non con spinta dai lati. Questa struttura potrà anche sopportare un peso non omogeneo (quindi che graverà in maniera squilibrata su un lato o una parte della struttura), ma per un tempo minimo, oltre a quel tempo si potranno avere lesioni e traumi dell'apparato muscolo scheletrico.
Consiglio quindi di bilanciare sempre in maniera ottimale il peso.

Per l'uso del collare non ci sono grossi problemi di gravamento asimmetrico sulla struttura, mentre per la pettorina, quando non è stretta adeguatamente, i problemi di bilanciamento sono possibili, e la stessa potrebbe girarsi su un lato (facendo leva su una sola parte della struttura articolare), quindi creare fastidi e alla lunga anche problemi.


Quali tipi usare

Esistono collari e pettorine con pesi fissi o estraibili:
-quelli con peso fisso sono praticamente "tarati" sul collo del cane (all'aumentare della misura del collo aumenta anche il numero di pesi del collare) e consentono un allenamento proporzionale e generalmente simmetrico, ma dovrete aumentare voi intensità e resistenza utilizzandolo per forti salite/discese o trazioni articolari se volete intensificare ancora il lavoro;
- quelli con peso estraibile danno una maggiore gestibilità del peso e quindi dell'intensità del lavoro ma se usati in maniera sbagliata si rischia più facilmente di creare squilibrio e asimmetria nel lavoro.

A che età usarli

Per quanto riguarda il collare, anche se il vostro cane sembrerà non avvertire il peso, consiglio di iniziare gradualmente dai 10 mesi, con prova da fermo o al massimo passeggiata leggera per un massimo di 10 minuti, fino ad iniziare gli allenamenti in maniera progressiva dai 12 mesi in poi.

Per la pettorina invece il cane dovrà contare su uno stato di salute perfetto e una struttura muscolare già ben consolidata e robusta al punto da permettere il trasporto del peso in scioltezza, mai al di sotto dei 16/18 mesi.

In che momento applicarlo

Collare e pettorina in ogni caso vanno applicati dopo un riscaldamento accurato del cane per un minimo di 10 minuti di riscaldamento: es. corsa al trotto e scatti laterali leggeri.

Benefici

Collare: Potenziamento di: collo, trapezio, deltoide, avambracci, schiena e di parte del dorso.

Pettorina con pesi: Potenziamento del collo, dell'intero dorso, della schiena, di parte dei quadricipiti, degli avambracci, delle spalle, deltoide e trapezio.

Danni

In qualsiasi attività sportiva possono esserci dei danni alle articolazioni molto seri (strappi, lussazioni, rotture, lesioni e fratture), pertanto è bene effettuare gli allenamenti nel massimo rispetto del cane, senza mai esagerare con il peso e senza mai effettuare movimenti impegnativi a freddo.
Un buon "DOG TRAINER" deve avere una sufficiente preparazione sulle dinamiche di funzionamento muscolare ed essere sempre molto attento ai limiti dell'animale, senza spingere gli allenamenti in situazioni difficili e pericolose.

Esempi di allenamento consigliati

Collare con pesi (3 volte alla settimana con un giorno di riposo ad ogni allenamento):
10 minuti di riscaldamento (senza collare)
10 minuti di Spring Pole con zampe posteriori a terra (collare applicato)
5 minuti di riposo
10 minuti di Spring Pole con zampe posteriori a terra (collare applicato)
5 minuti di riposo
20 minuti di salite e discese con pendenza importante (preferibilmente 10 %)
5 minuti di defaticamento con trotto lento (senza peso)

Risultati visibili in 1/2 mesi
FINE ALLENAMENTO


Pettorina con pesi (3 volte alla settimana con un giorno di riposo ad ogni allenamento):
10 minuti di riscaldamento (senza pettorina)
10 minuti di Spring Pole laterale con le 4 zampe a terra e l'elastico legato a max 1 metro (pettorina applicata)
5 minuti di riposo
10 minuti di Spring Pole laterale con le 4 zampe a terra e l'elastico legato a max 1 metro (pettorina applicata)
5 minuti di riposo
20 minuti di trotto su pianura
5 minuti di defaticamento con trotto lento (senza peso)

Risultati visibili in 1/2 mesi
FINE ALLENAMENTO


Vivi ogni cane come se fosse il tuo e ogni persona come se potesse essere il tuo migliore amico.