INTEGRATORI ALIMENTARI E LORO UTILIZZO


GLI INTEGRATORI ALIMENTARI

A cura di Giovanni Mazzone


La prima domanda che dovremmo porci è la seguente: Perchè dare degli integratori ai nostri cani?

Gli integratori alimentari generalmente si utilizzano per una carenza di una sostanza specifica non presente nell'alimentazione del cane, ma con un alimento di buona qualità (sia per il mantenimento che per uno sport "normale"), non è necessaria NESSUNA INTEGRAZIONE.


Un integrazione invece è ragionevole, con l'indicazione di un veterinario o di uno specialista, in casi di recupero dopo malattie, allattamento, gravidanza, ecc.


Fipken non consiglia di utilizzare particolari integratori per la crescita ma, dai 3 mesi fino ai 12, solo CONDROPROTETTORI  (Come Mesoflex o Cosequin) per irrobustire le articolazioni e supportarle nella crescita, e un cucchiaino al giorno di olio di fegato di merluzzo/balena da aggiungere alle crocchette DI BUONA QUALITA' (Fipken consiglia l'utilizzo di Farmina o Prolife alta energia).


In allenamento "NORMALE", Fipken consiglia di utilizzare prodotti alimentari (crocchette o Barf ad alto contenuto proteico e grassoso); per le crocchette il valore minimo di proteine dovrebbe essere 29% e per i grassi 16%, mentre per la BARF lo studio è un pochino più complicato, in quanto bisogna calcolare in totale i singoli prodotti utilizzati, quindi sommare i valori proteici specifici (tuttavia consigliamo sinteticamente di usare molto pollo, grasso animale e vegetale con attenzione e molte verdure per l'integrazione di fibre e vitamine).


COSA SONO GLI INTEGRATORI ALIMENTARI

Sono integratori alimentari tutte quelle sostanze di origine naturale (e non c'è distinzione quindi da quelli per uso umano o uso animale in quanto esiste ad esempio un solo dipo di CONDROITINA e non uno per il cane e uno per l'essere umano), che hanno il compito di fornire benefici fisiologici diretti o indiretti al nostro cane.


Gli integratori alimentari non sono da considerare medicinali comuni, ma vanno utilizzati con molta cautela perchè un utilizzo sproporzionato potrebbe comunque portare ad intossicazioni ed effetti addirittura contrari a quelli positivi per i quali li stiamo utilizzando.


OSSERVIAMO NELLO SPECIFICO I TIPI DI INTEGRATORI E IL LORO POSSIBILE UTILIZZO


Condroitina solfato:  è il polisaccaride complesso principale della cartilagine,  che si trova nel tessuto cartilagineo.
E’ costituita principalmente da glicosaminoglicani,  stimola il metabolismo della cartilagine ed  inibisce la distruzione di quella vecchia con risultati a lungo termine.
–    rigenera le cartilagini
–     ha una azione antinfiammatoria
–    riduce la produzione di acido urico
–     stimola la sintesi del collagene (principale proteina della cartilagine)
–    attira acqua nel tessuto connettivo, liquido indispensabile che nutre e lubrifica le articolazioni
–    distrugge gli enzimi nocivi  che possono compromettere quello che rimane nei tessuti sani di una articolazione logorata
–    lubrifica le articolazioni


Glucosamina:  è un  aminozucchero, punto di partenza per la sintesi delle glicoproteine, glicolipidi e mucopolisacaridi. E’ un composto naturale che l’organismo ricava direttamente dal glucosio, dai polisaccaridi non ramificati  che sono compresi nei proteoglicani, (proteine che contengono glicosaminoglicani). I proteoglicani   si trovano in ogni tessuto del corpo umano e in particolare  nella matrice extracellulare;  la loro attività consiste nella capacità di attrarre acqua.
La Glucosamina si trova nelle articolazioni, nel liquido sinoviale, nei tendini, nei legamenti, nei muscoli, nelle valvole cardiache, nell’occhio, nel sangue, nel tratto digestivo e respiratorio.
Le principali caratteristiche sono:

–    ridurre l’infiammazione e il dolore, inibizione della sintesi del nitrossido di azoto
–    azione anti-radicali liberi
–     agire sulla cartilagine
–    agire  nei traumi che comportano una modificazione del metabolismo della cartilagine
–     favorire la fissazione  dello zolfo
–    pur non essendo un analgesico favorisce la diminuzione del dolore e della infiammazione
–     ha una elevata tollerabilità, senza effetti dannosi sul sistema cardio-circolatorio, sul respiro, sul sistema nervoso centrale e vegetativo
–     lubrificare le articolazioni.


Zolfo biodisponibile e Metilsulfonilmetano (msm): lo Zolfo, per poter entrare a far parte del patrimonio biochimico dell’organismo e distribuirsi, quindi, nei vari distretti corporei, deve subire un processo di “organificazione”, cioè deve essere trasformato da minerale inerte in materia vivente, cosa che avviene attraverso la sua incorporazione in specifiche biomolecole. Tra queste assume particolare rilevanza il metilsulfonilmetano (MSM), una sostanza volatile che fa parte del “ciclo” naturale dello zolfo. L’MSM arricchisce di zolfo, spesso sotto  forma di ponti di solfuro (-S-S-), le proteine fibrose ed i glicosamminoglicani della matrice extracellulare, rendendola resistente ma anche elastica.
E’ un antinfiammatorio e antidolorifico tutto naturale. L’MSM possiede intrinseche proprietà antinfiammatorie ed antidolorifiche che lo rendono particolarmente utile come coadiuvante nelle malattie reumatiche.


 
 
 
 
 
 


Gamma orizanolo: è una miscela di esteri dell’acido ferulico di steroli e alcoli triterpenici che stimola la crescita nei cereali. Una delle principali fonti è l’olio di crusca di riso.
Il gamma orizanolo stimola l’aumento della massa corporea magra e la forza, accelera il recupero e riduce il grasso corporeo e il dolore dopo l’esercizio fisico.


Carnitina: è spesso scambiata per un aminoacido: in effetti è uno ione ibrido, presente nei tessuti del cane , quindi prodotto in modo autonomo dall’organismo. Come integratore ha il compito di:

– proteggere contro le malattie epatiche ( quando vengono aggiunte delle sostanze utili a questo scopo quali : Vitamina B12 , L-Arginina , DL-Metionina )
–   proteggere contro il diabete
–   curare e prevenire alcune forme di malattie cardiovascolari
–   trasformare il tessuto adiposo in energia
–   proteggere contro le malattie muscolari e dal dolore dopo sforzi prolungati
–   aiutare ad aumentare la massa muscolare
–   proteggere contro le malattie renali.


Creatina: è un aminoacido prodotto in modo autonomo dall’organismo. La creatina interviene, dal punto di vista metabolico, per soddisfare le richieste energetiche del meccanismo anaerobico alattacido. Il meccanismo anaerobico alattacido è quel meccanismo energetico che si attiva non appena inizia uno sforzo muscolare intenso. Questo processo prevede una sola reazione chimica e consente di avere una disponibilità immediata di energia. Il compito quindi della creatina è quello di cedere energia al momento della richiesta metabolica durante un’attività sportiva o di lavoro.
La creatinina (creatina non utilizzata) viene espulsa tramite le urine: è importante, quindi, non sovradosare per evitare un accumulo e un superlavoro renale.


Il Complesso di Vitamine del gruppo Bsvolge un’azione trofica su tutti gli epiteli in particolare quelli a rapido Turn over come gli apparati digerente e respiratorio; inoltre hanno un importante azione a livello epatico favorendo la funzionalità dell’organo.
La Vitamina B1 interviene inoltre nel metabolismo dei carboidrati a fonte energetica.
Il fabbisogno di vitamine del gruppo B aumenta significativamente durante gli allenamenti intensivi, nello stress e nella gravidanza.


Ferro, Rame, Cobalto sono essenziali per la produzione di emoglobine, e nella formazione e maturazione a livello midollare dei globuli rossi.


Aminoacidi: hanno diverse funzioni a livello muscolare, promuovendone l’efficienza e svolgendo un ruolo trofico, inoltre nel soggetto atleta essi rappresentano anche un sostrato energetico. Inoltre svolgono in parte anche la funzione di regolatori nel mantenimento del sistema nervoso e del sistema immunitario.


Omega 3: è un gruppo di acidi grassi essenziali. Sono particolarmente presenti nell’olio di lino e in quello di soia. Il più importante omega3 è l’acido Linolenico (ALA). Altri due acidi che fanno parte de gruppo sono l’ EPA ( Eicosopentanoico) e il DHA ( deicoesanoico).
Gli Omega 3:
– svolgono un ruolo importante nella costituzione e integrità delle membrane cellulari;
– regolano la pressione arteriosa – rendono elastici i vasi sanguigni – stimolano il sistema immunitario svolgono una funzione antinfiammatoria – importanti per la fertilità – cute e pelo


Omega 6: è un gruppo di acidi grassi essenziali dove il più importante è l’acido LINOLEICO. In caso di somministrazione congiunta (om. 3 e 6 ) è molto importante l’equilibrio tra di loro.
Se l’equilibrio è troppo sbilanciato a favore degli omega 6, gli om.3 non riescono a svolgere le loro importanti funzioni e questo può determinare una condizione fisiologica propizia per l’insorgenza di problemi cardiovascolari, turbe allergiche e problemi infiammatori.
Gli Omega 6 svolgono un ruolo importante per la salute del sistema nervoso, equilibrio cardiovascolare e stimolano il sistema immunitario, ristabiliscono il sistema lipidico con un giovamento della cute e del pelo.


Elettroliti: sono sali minerali (sodio – potassio – magnesio – calcio – fosforo ) che vengono ceduti dall’organismo per attività sportiva, di lavoro , condizioni climatiche e stress. E’ molto importante somministrarli in queste occasioni.


Maltodestrina: è un carboidrato idrosolubile. Si ottiene principalmente dalla scomposizione dell’amido di mais o di patate. In base al grado di trasformazione di questi amidi si creano le maltodestrine, costituite da molecole di glucosio ordinate in catene polimeriche più o meno lunghe. È un ottimo sostituto del destrosio e proprio per questo motivo che viene impiegato nella preparazione atletica come carico energetico disponibile durante la competizione o il lavoro. Il suo impiego sostituisce l’utilizzo dello zucchero.

 

Fonte delle informazioni sulle sostanze: Manuale scientifico MERK

Web information